Per toccare con mano l’innovazione tecnologica, ormai, bisogna zoomare sulla realtà video dove emergono nell’ultimo periodo delle novità interessanti. Passata la mania del tridimensionale, adesso si studia seriamente l’alta definizione da tradurre anche sui pc domestici. 

L’alta definizione, il famoso HD, è ormai il terreno di battaglia delle industrie che si occupano di tecnologia ed hanno individuato il futuro nello sviluppo del settore multimediale. In particolare fa gola il nuovo prodotto nei cantieri della MPEG.

Il MPEG, il Moving Picture Experts Group, infatti, sta mettendo a punto un nuovo standard audiovisivo più efficace dell’attuale che deve consentire la trasmissione dei contenuti televisivi in Ultra HDTV, vale a dire a 33 Megapixel, sul computer, ma con un consumo di banda accettabile, contenuto.

Ecco allora che sta per debuttare l’HEVC, l’High Efficiency Video Coding. Si chiamerà così il nuovo standard che ha il compito di sostituire l’H.264 che ricopre oggi un ruolo fondamentale per la trasmissione in streaming della programmazione in Full HD.

A luglio, l’HEVC ha raggiungo lo status di Draft International Standard, quindi è ancora in bozza perché nel frattempo bisogna migliorare alcuni elementi, per esempio un componente che MPEG ritiene cruciale nel supporto alle trasmissioni UHDTV: Scalable Video Coding.

Entro il 2013 tutto il lavoro dovrebbe essere concluso.