Sono tornato a usare Firefox. O meglio sto tornando a farlo. Dopo averlo disinstallato poco tempo fa ci avevo messo una pietra sopra, ma poi la curiosità di vedere la nuova versione, Firefox 29, ha preso il sopravvento. Devo dire che a convincermi è stata la nuova grafica, davvero simile a quella di Chorme quanto a interfaccia, ma con il vecchio sapore di Firefox. Poi l’ho provato e mi è parso una bomba. Il primo motivo per tornare a usare Firefox è che è molto più veloce di Chrome e un pochino anche più di Safari. Non proprio più veloce in senso assoluto, ma in termini relativi. Con Firefox posso scrollare la pagina anche se il browser non ha finito di scaricarla. Per me questo è dirimente, perché tantissime volte voglio solo dare un’occhiata alla pagina e morta lì. Tanti siti oggi utilizzano grandi foto in alto, con il testo che per essere letto necessità di una scrollata. Con Firefox l’attesa mi si riduce e non di poco. Inoltre di default Firefox non ricarica le pagine aperte fino a che non le stai usando. Considerate che io non uso Flash perché mi fa surriscaldare il Mac. Sul mio MacBook Air non è installato, quindi utilizzando Firefox non ho neppure bisogno di installare plugin per bloccare le pubblicità in Flash. Sembra poi che sia stato anche risolto il problema della lingua: posso usare tranquillamente la versione americana dal browser con installato il dizionario italiano per quando devo controllare un testo in italiano.

Sbattimenti con Firefox su Mac

Ho dovuto disabilitare lo zoom con command+scroll (about:config–>mousewheel.with_meta.action va impostato a 0). Lo swipe back di Mavericks non ha una preview, per cui ti accorgi a fatica di tornare indietro quando scrolli con due dita. Rischi a volte di tornare indietro senza accorgertene. Non mi funziona Asana, ma non ho problemi con Trello. Avendo per altro già creato un’app per trello con Fluid, penso che risolverò alla stessa maniera per Asana, e tutto sommato avevo già intenzione di farlo. Ho scoperto che importando cookie, bookmark e cronologia da Chrome crea il problema che alcuni siti diventano pagine bianche: si risolve semplicemente cancellando la completamente la cronologia (grrrr!). Usando Firefox non ho la sincronizzazione con l’iPhone. Posso ovviare da iPhone a Mac tramite Cloudy Tab, che mi permette di aprire in Chrome o Firefox le tab aperte su Safari sull’iPhone o iPad. Però non ho modo di aprire sull’iPhone le tab aperte su Firefox sul Mac, salvo utilizzare Cloud App per salvare un bookmark. Per altro ci sono app che consentono di farlo. Non è il massimo, ma tutto sommato un prezzo che posso pagare.

Perché Firefox 29 mi piace un sacco

Il nuovo sistema di personalizzazione del browser mi ha permesso, senza aggiungere add-on, di inserire a fianco all’url un bottone per inviare il link della pagina via mail, aprire una pagina in incognito (cosa che faccio spesso per verificare il posizionamento di quello che scrivo) e gestire tutti gli add-on che voglio vedere sul mio browser. Trovo molto utile la funzione per raggruppare le tab, che ora posso inserire a fianco alla barra degli url: spesso ho cose che devo vedere durante la giornata e mi si accumulano e preferirei metterle da parte. Con questa funzione posso. Non del tutto inutile lo spazio di ricerca: a volte posso voler fare delle ricerche su Twitter o Wikipedia e il bottone lì è comodo. L’uso di Alfred e Keyboard Maestro me lo rendono però quasi inutile. Quasi: per ora sta lì, poi vedremo.

Consumo di memoria in Firefox 29

Occhio e croce, Firefox consuma il 20 per cento in meno di Chorme. Come faccio a dirlo? Ho fatto una semplice comparazione aprendo le stesse tab su Chrome, Firefox e Safari. La differenza principale è che Firefox ha un solo processo attivo, mentre Chrome e Safari ne hanno diversi. La testa mi dice che non è così, che Firefox consuma probabilmente più memoria dei rivali. A occhio però la differenza è così poca che i vantaggi di usare Firefox quasi quasi li ritrovo.

Perché usare Firefox?

Perché usare Firefox? Per lasciare un segno, come mi ha spiegato Jacopo Romei in una recente intervista. Ecco, io da tre giorni sto usando Firefox, ma ammetto che non sto lavorando attivamente come di solito. Però penso che continuerò a usarlo. Almeno fino a che potrò. E anche perché mi piace e non poco!