Mozilla ed Epic, dopo il successo del porting di Unreal Engine 3 con Citadel, hanno annunciato la disponibilità di Unreal Engine 4 – la nuova versione del motore – sul web: è un’occasione per sviluppare videogiochi all’avanguardia che potranno essere giocati con Firefox, senza plugin, con qualunque sistema operativo. Se l’immagine di Mozilla, complice un MWC 2014 sottotono per Firefox OS, non è proprio ai massimi storici… le soluzioni dedicate ai programmatori continuano a convincere. Resta da vedere chi e come le implementerà.

Epic, soprattutto grazie alla serie di Unreal Tournament, è riuscita a ritagliarsi uno spazio da protagonista nel gaming che era appannaggio di id Software e Valve. Il fatto che collabori con Mozilla mi porta a pensare che, nonostante gli errori su Firefox e l’immaturità di Firefox OS, la fondazione open source non sia prossima a morire: gli errori – come la pubblicità nelle nuove schede – sono evidenti, ma l’accento sullo sviluppo e l’attenzione ai videogame possono essere fattori determinanti per una riaffermazione di Mozilla.

Martedì, parlando del FAIL di Persona, avevo paragonato Mozilla a Yahoo!: non sarebbe inappropriato neppure un paragone con BlackBerry, che offre soluzioni all’avanguardia – ma non ottiene il favore dei consumatori. Il porting di Unreal Engine 4 porta Firefox (che integra delle funzionalità avanzate, rispetto agli altri browser con asm.js) a essere persino in vantaggio su Google, mentre gli utenti continuano a preferire Chrome. È uno dei tanti esempi della grande distanza fra il successo sul mercato e la qualità di un prodotto.