Moto X – altresì noto come XPhone – potrebbe davvero essere disponibile da agosto, in bianco oppure in nero, e con Google Now sempre attivo: sono le ultime indiscrezioni emerse da un video pubblicato e subito rimosso da Rogers. L’operatore telefonico canadese, esattamente come la statunitense Verizon, ha programmato entro la fine del mese prossimo la data d’uscita dello smartphone. Non sappiamo quale versione di Android installerà il device di Motorola e Google, né il prezzo al consumatore o l’eventuale distribuzione in Italia.

Quel dispositivo recentemente impugnato da Eric Schmidt, quindi, doveva essere proprio un Moto X. Google – considerando l’hype generato nelle ultime settimane – potrebbe presentare Android 4.3 in luglio e iniziare le vendite del “famigerato” smartphone dal mese successivo: escluderei il rilascio anticipato di Key Lime Pie, dovendo azzardare un’ipotesi. Sarà davvero un device personalizzabile? Se lo fosse, in Italia non arriverebbe… perché la personalizzazione dovrebbe avvalersi di Play Devices, che non raggiunge il nostro Paese.

Quanto alla strategia commerciale di Google, dalle due conferenze indette il 10 e l’11 luglio non è trapelato alcunché: i rumor su DROID Maxx e/o Ultra sono arrivati negli stessi giorni, ma non dal Googleplex. Suppongo che l’azienda abbia fatto firmare un accordo di non divulgazione ai cento fortunati giornalisti presenti, che avranno l’esclusiva appena Moto X sarà pronto per essere annunciato. Personalmente, sono più curioso di conoscere l’aggiornamento per il sistema operativo che non d’acquistare il nuovo device di Motorola.