Ci sono una serie di applicazioni capaci di rendere il nostro iPhone uno strumento unico per la produttività. Apple di recente ha avviato una sorta di campagna di promozione per far conoscere queste applicazioni. Siccome mi sono messo da poco in testa di scrivere un intero ebook sul tema, ho deciso di condividere con voi le app che uso personalmente.

Launch Center Pro 2: mi consente di aprire al volo le app che mi servono, twittare con un determinato account, aprire un file per scrivere un articolo dandogli il titolo, cercare una cosa su Google, Amazon etc. Per tutte le volte che mi risparmia tempo a cercare app, da avere.

Drafts: qualunque cosa debba fare che implichi scrivere comincia qui. Posso creare una nota o anche un post, scrivere una frase da condividere sui social o una mail. Con un tap inizio a scrivere e poi posso scegliere in quale app pubblicare quello che ho scritto. Se scrivete su blog o gestite social network è da avere.

Dispatch: è la mia app principale per gestire le email. Supporta Textexpander e consente di creare degli snippet per risposte veloci. Partendo da ogni mail consente di creare un task o un promemoria con un link che consente di ritornare alla mail, oppure archiviare l’email nelle nostre cartelle. Peccato non consenta di accedere a cartelle diverse dall’inbox. Fondamentale.

Due: l’ho scoperta da poco, ma è divenuta presto impagabilmente utile. È l’unica app di promemoria con allarmi che ti obbliga davvero a fare le cose. Funzionale.

Fantastical 2: per la gestione del calendario su iPhone non ha rivali. O meglio, ne ha uno solo: Siri. Con Siri però non puoi inviare inviti. Utile.

Omnifocus: il mio task management preferito. Costa parecchio, ma merita tutti i soldi che richiede. Se non avete idea di cosa sia la GTD non vi sarà molto utile. Per invasati.

Clear: to-do list semplice e bella da usare. La uso per la lista delle cose da mettere in valigia, per la borsa del calcio, la spesa, e per tenere traccia delle idee di post da scrivere o tool da usare per fare cose. Utile, ma costosa.

Byword: app fondamentale per chi vuole bloggare o scrivere documenti sull’iPhone. Consente di scrivere in markdown e pubblica su WordPress, Tumblr e Blogger. Si sente l’assenza di un browser interno, presente invece in Writing Kit, che per altro offre molte funzioni assenti in Byword. Per scrivere e basta però Byword è fenomenale. Mai senza.

Evernote: è l’app necessaria per prendere appunti, testuali, foto, audio o video. Dà il meglio di sé se usata per organizzare progetti. La sfrutto per mettere in ordine le idee e materiali per i miei ebook e i miei post.

Tweetbot 3: sta nel mio dock perché Twitter è il social network che uso di più. Fondamentale per la possibilità di consultare velocemente le mie liste e poterle impostare come timeline.

Buffer: è l’app che mi permette di gestire i vari account social che utilizzo. Indispensabile.

photo credit: orcmid via photopin cc