Qualche giorno fa in una conversazione su WhatsApp ho notato che il contatto con cui parlavo aveva cambiato immagine del profilo, l’ho ingrandita ed ho notato che si trattava di un ritratto, ed era fatto molto bene, in maniera simpatica, ma realistica. Chiedendo chi glie lo avesse fatto, mi è stato risposto che si trattava di un avatar creato con Uface, ed incuriosito, sono corso a scaricarla da AppStore.

Si tratta in realtà di un’app molto semplice ed intuitiva, che permette, in sintesi, di creare volti in maniera random o di impostare i diversi parametri in modo da riprodurre il volto di una determinata persona che abbiamo in mente. Quello che veramente mi è piaciuto di Uface è che permette di riprodurre le caratteristiche anche in maniera molto simpatica, tanto che ci ho passato parecchio tempo per cercare di riprodurre prima un mio avatar, operazione di cui è visibile il risultato sul mio profilo Twitter, e poi riproducendo le sembianze di alcuni amici.

I parametri in base ai quali è possibile creare il proprio volto sono svariati, variando dalla bocca agli occhiali, passando per la forma del viso e quella del naso. E’ possibile inoltre aggiungere accessori come cappelli stravaganti e corone. Dopo di ché si può aggiungere un movimento o un’azione, anche se molto basilare, come lo scrivere, il bere una birra, e così via. Ultima personalizzazione è lo sfondo di quello che sarà il nostro disegno. Le caratteristiche cambiano inoltre a seconda che il nostro soggetto sia un uomo o una donna, ma questo è abbastanza normale, e questa scelta è la prima da effettuare.

Altra cosa molto carina è la possibilità di scegliere la carta su cui imprimere il disegno. Non manca, ovviamente l’impronta social, con la possibilità di condividere il frutto della nostra fantasia sui maggiori social network. Un’app davvero divertente, da provare per distrarti un po’ e liberare la propria fantasia.

Segui Andrea Careddu su Google Plus Twitter