Dopo aver acquisito Nokia, Microsoft ha puntato la propria attenzione su BlackBerry. L’azienda canadese sembra essere in vendita e secondo le indiscrezioni, riportate dal DigiTimes, l’azienda di Redmond dovrà fronteggiare anche la concorrenza delle cinesi Xiaomi, Lenovo e Huawei per finalizzare il piano di acquisizione.

BlackBerry è in vendita o così sembra. DigiTimes ha infatti riportato il fatto che Microsoft sia interessata ad acquisire la popolare azienda canadese e, allo stesso tempo, avrebbe chiesto una valutazione ad una società di consulenza finanziaria per comprendere se l’investimento potrebbe rivelarsi in un’operazione finanziaria profittevole. L’acquisizione di BlackBerry rappresenterebbe un importante passo in avanti per Microsoft, azienda che vuole orientarsi sempre di più nei segmenti commerciali legati al business mobile, alle comunicazione e non solo. In quest’ottica, i sette miliardi di dollari richiesti per BlackBerry rappresenterebbero una cifra molto simile a quella spesa per la divisione Dispositivi & Sevizi di Nokia.

Oltre a Microsoft in pole position per BlackBerry troviamo anche i principali produttori di smartphone cinesi che sembrano effettivamente interessati all’acquisto. Xiaomi, Lenovo e Huawei sono le principali aziende cinesi che sono interessate a conquistare l’Occidente e il marchio BlackBerry potrebbe essere la porta di accesso.

BlackBerry è interessata a vendere?

Tra tutte queste indiscrezioni, rimane il dubbio sul fatto che BlackBerry sia veramente interessata a vendere. L’amministratore delegato dell’azienda canadese, in recenti interviste, ha più volte sottolineato la volontà di ritornare a generare profitti e continuare ad offrire software per il mondo business. Infatti, secondo le indiscrezioni, BlackBerry presenterà durante quest’anno tre nuovi dispositivi: Oslo, riedizione del Passport con bordi arrotondati, Slider, dispositivo dotato di schermo touchscreen e tastiera fisica a scomparsa e, infine, P’9984, altro smartphone della linea Porsche.

Per il momento quindi, non resta che comprendere la volontà dei piani alti di BlackBerry. L’azienda, ad oggi, ha un ampio numero di brevetti in suo possesso e l’acquisizione da parte di Microsoft permetterebbe all’azienda di Redmond di fare un importante salto in avanti, sia in termini economici che software.