I soldi non fanno la felicità, ce lo sentiamo ripetere da tempo, ma sicuramente aiutano quando si tratta di acquisire nuovi tasselli. E’ questa la strategia della Microsoft che ha deciso di andare a rompere le uova nel paniere di Apple, Google ed Amazon. 

Queste tre aziende – Apple, Google e Amazon - hanno aggredito il mercato dell’editoria digitale e Microsoft non voleva essere da meno, ma ha fatto tutto in gran segreto, fino a quanto un giornalista del Wall Street Journal ha svelato le carte.

Microsoft, infatti, ha siglato un’intesa con Barnes&Noble, che da anni è attiva nella distribuzione dei libri ed è anche madre del lettore Nook. L’azienda di Redmond, in pratica, ha fiutato il business dell’editoria digitale ma non ha avuto modo d’investire risorse nello sviluppo, così è passata alle acquisizioni.

Per rilevare la Barnes&Noble ha deciso di mettere in campo circa 300 milioni di dollari ed ha così acquisito il 17,6 per cento della divisione digital della B&N, quella che si occupa dei testi per l’università.

Dopo essere stata rinominata Newco, la società è stata “apprezzata” per 1,7 miliardi di dollari. A questo punto si configura la base per una battaglia tra Microsoft ed Amazon: Nook contro Kindle ma anche Nook Tablet contro Kindle Fire.