Ieri, come previsto, Microsoft ha presentato una nuova gamma di Surface 2 a New York: sono stati annunciati due dispositivi – sulla falsariga dei precedenti – con Windows 8.1 e Windows 8.1 RT. Il prezzo dei tablet è praticamente invariato, rispetto alle edizioni acquistabili dal 2012, ma a fare la differenza sono i nuovi accessori. Anzitutto, il kickstand può assumere due posizioni per orientare al meglio i device e la più colorata Type Cover 2 ha acquisito la retro-illuminazione dei pulsanti per digitare con scarsa luminosità.

La stessa caratteristica è condivisa dalla Touch Cover 2, che come la Type Cover 2 può essere connessa all’adattatore wireless per controllare il tablet a una certa distanza — senza inserire la tastiera nella scocca. La novità assoluta è costituita dalla Power Cover che anticipavo nel riassunto delle indiscrezioni sui dispositivi, a qualche ora dalla presentazione ufficiale. Così come la Docking Station che, disponibile per Surface Pro 2, lo trasforma in una specie di Ultrabook cui connettere le periferiche e un monitor esterno.

Chiudono la lunga lista dei gadget un Arc Touch Mouse – Surface Edition e il caricatore USB per l’accendisigari delle automobili. Sono discretamente interessato al nuovo Surface Pro 2, a differenza di Marco Usai che crede nelle potenzialità della variante su Windows 8.1 RT, soprattutto grazie alla nuova Docking Station: la potenza di calcolo e i 512Gb di memoria potrebbero adattarsi all’utilizzo pervasivo delle applicazioni dedicate al design. Soltanto, mi domando se il sistema operativo sia davvero all’altezza del dispositivo.