L’app di Microsoft Office per iPad, iPhone e Android arriverà all’inizio del 2013, stando a quanto riportato oggi da The Verge che è stato in grado di produrre delle immagini esclusive delle nuove applicazioni di Redmond per i dispositivi mobili di altri produttori. Confermando così l’indiscrezione del mese scorso.

L’app di Office sarà gratuita e permetterà di visualizzare i documenti prodotti con la suite per ufficio di Microsoft. Per poter editare i documenti occorrerà una sottoscrizione a Office 365, la versione on line di MS Office. Inoltre per utilizzare l’app sarà necessario avere un account Microsoft, esattamente come accade con SkyDrive e OneNote.

La notizia è importante, ma c’è da chiedersi: Ne avevamo davvero bisogno?

Tralasciamo gli smartphone dove tutto sommato un buon viewer è più che sufficiente e concentriamoci sui tablet. Per scrivere sull’iPad utilizzo Pages e avendo un Mac è perfetto perché posso sincronizzare i documenti di qui e di là, semplicemente salvandoli in iCloud. Con Keynote e Numbers posso fare lo stesso. Vabbe’, potrò farlo anche con Office e SkyDrive. Il quale però offre il vantaggio di lavorare direttamente sui formati di Word, Excel e Powerpoint. Con buona pace di chi sogna gli open standard (me compreso), sono quelli di Microsoft i formati più diffusi. E Office per Mac resta uno dei prodotti più venduti anche per piattaforma Apple.

Ho provato la nuova versione di Office per Windows 8 su desktop e, ragazzi tenetevi forte, sembra una roba sviluppata da Apple. A parte la grafica che è il chiaro casino alla Microsoft. Però è una bomba, soprattutto per quanto riguarda l’integrazione dei servizi. Sono certo che conquisterà gli utenti Android, per i quali a dire il vero Google è al lavoro con QuickOffice, recentemente acquisita da Mountain View e già un ottimo strumento al quale si può affiancare Google Drive.

Siamo entrati nell’era post pc annunciata dal buon Steve tenuti per mano da mamma Microsoft. Tutto è cambiato perché nulla cambi. Non ne avevamo bisogno, ma ci adegueremo.

photo credit: adactio via photopin cc