A quanto pare, Microsoft intende fare chiarezza sulle versioni di Office: i tempi delle SKU (Stock Keeping Unit), come quelle che puoi vedere nell’immagine qui sopra, sono finiti. Avrai tre possibilità di scelta fra Office 365 Home Premium, Office 365 University od Office Online — che sarà gratuito e sostituirà le attuali Office Web Apps. Ciò, ovviamente, se sei un privato e non un’azienda cui sono rivolte altre opzioni. Penso che sia la scelta migliore sia dal punto di vista del branding che per l’omogeneità della piattaforma.

Quello del marchio è un cruccio che Microsoft ha appena dovuto affrontare con SkyDrive, diventato OneDrive: associare lo stesso prefisso a Office non avrebbe senso, perché la popolarità della suite è proprio legata al nome, ma tra le Office Web Apps e Docs.com (di cui forse non ricordi neppure l’esistenza) è facile confondersi. Io penso che ristrutturare la piattaforma attorno a Office Online possa aiutare a raggiungere un numero ancora più elevato d’utenti che acquistavano Microsoft Office — e potrebbero abbonarsi a Office 365.

Non posso ancora descriverti come sarà Office Online, ma suppongo che riprenderà lo stesso meccanismo di Office 365: potrai scaricare delle piccole app per modificare i documenti da un’interfaccia chromeless su Windows 8.1 Pro e spero anche RT. Chissà che un domani (sempre partendo dal presupposto che Microsoft debba procedere per gradi) il brand One non possa davvero includere tutti i prodotti dell’azienda… però, al momento, io giudico che siano piuttosto incoraggianti i segnali che fanno seguito all’elezione di Satya Nadella.

Photo Credit: Jeff Wilcox via Photo Pin (CC)