Nel corso degli ultimi mesi, le politiche di Microsoft sull’aggiornamento a Windows 10 sono state rese più “aggressive” con l’obiettivo di spingere gli utenti ad effettuare il passaggio alla nuova piattaforma software. Sebbene, oggi, Windows 10 sia il sistema operativo della casa di Redmond con il più alto tasso d’adozione di sempre, molti utenti non hanno gradito per nulla come sono stati condotti ad effettuare l’upgrade. Come noto, nei PC compatibili compare l’app “Ottieni Windows 10” che permette di avviare l’aggiornamento alla nuova piattaforma. App che nel tempo è stata modificata per forzare gli utenti all’aggiornamento.

Modifiche che hanno portato a molte polemiche tanto che adesso, la casa di Redmond ha deciso di fare un passo in dietro. Probabilmente la società ha capito che non serve a nulla spingere eccessivamente sugli utenti per accelerare l’adozione di Windows 10 se poi si perdono consensi durante il percorso. Dunque, Terry Myerson ha spiegato a The Verge, che grazie ai feedback raccolti dagli utenti, Microsoft modificherà l’app “Ottieni Windows 10″ affinché permetta una libera scelta agli utenti.

Se, dunque, oggi l’app “forza” i PC compatibili ad avviare l’upgrade, tra breve lascerà maggiore spazio di scelta agli utenti. In particolare, la nuova app permetterà di avviare l’aggiornamento, di programmarlo o di rifiutarlo. Gli utenti saranno così assolutamente liberi di fare quello che vogliono senza rischiare di trovarsi in esecuzione l’installer di Windows 10 senza che ne avessero dato il consenso. L’aggiornamento dell’app sarà del tutto automatico e trasparente e nulla dovranno fare gli utenti.

Si ricorda, comunque, che il 29 luglio scade l’anno di upgrade gratuito offerto da Microsoft. A partire dal giorno successivo, l’aggiornamento a Windows 10 potrà essere fatto solamente a pagamento.