Microsoft è attualmente al lavoro su Handpose, un nuovo sistema di tracking delle mani che si appoggia ad una versione migliorata del Kinect per Xbox One. I ricercatori di Microsoft hanno offerto un’anteprima durante la conferenza CHI che si è tenuta a Seoul, in Corea del Sud.

A distanza di qualche settimana dal brevetto di Apple che punta a realizzare nuove metodologie d’interazione grazie al tracciamento in tempo reale degli occhi, adesso Microsoft mostra una nuova tecnologia che potrebbe portare a nuove modalità di interazione uomo-macchina e allo sviluppo di nuove app.

Grazie a Kinect, l’azienda di Redmond ha acquisito un bagaglio estremamente ampio di conoscenze nel settore del motion sensing. La versione migliorata del Kinect per Xbox One mostrata da Microsoft permette di tracciare i più piccoli movimenti della mano e delle dita. Grazie alla tecnologia Handpose, di fatto, sarà possibile implementare tantissime modalità di interazione.

Il meccanismo di funzionamento di Handpose è estremamente complesso, dal momento che è necessario tracciare ogni singolo millimetro della mano, rilevare le singole articolazioni e non solo. Gli ingegneri dell’azienda di Redmond, per riuscire a raggiungere un ottimo risultato, hanno utilizzato il machine learning per insegnare al computer come riconoscere le varie posizioni delle dita e della mano. Allo stesso tempo, visto che le singole immagini non erano sufficientemente accurate, Microsoft Research ha unito il machine learning con la modellazione 3D, permettendo di fatto ad Handpose di tracciare i movimenti della mano in tempo reale, anche in una stanza o al buio.

Come si può immagine, Handpose apre la strada ad infinite applicazioni. Ad esempio, in futuro, sarà possibile interagire con i computer senza alcuno strumento come mouse o tastiera e rivoluzionando, di fatto, l’interazione uomo-macchina, per come la conosciamo oggi. Handpose è il primo passo verso un traguardo più ambizioso.