L’accordo fra Microsoft e Nokia per il passaggio dei brevetti e della divisione Devices & Services sarà rinviato ad aprile a causa delle burocrazie statunitense ed europea che intendono procedere con cautela nel controllo dei termini della cessione fra le multinazionali. È la stessa azienda finlandese ad annunciarlo con un comunicato stampa che comunque ribadisce l’intenzione di procedere al passaggio di consegne. L’affare da $7.2 miliardi non è affatto in discussione, ma soltanto in ritardo sulle aspettative delle due società.

L’acquisizione miliardaria doveva concludersi nel primo trimestre del 2014, permettendo a Microsoft e Nokia di presentare un rendiconto trimestrale che soddisfacesse gli azionisti e fosse superato dal secondo quarto dell’anno: il 2 aprile inizierà il BUILD dove dovrebbe essere presentato Windows Phone 8.1 – già apparso nelle note di compatibilità su Windows Store – per lanciare nuovi Lumia prodotti dalla collaborazione delle due aziende. La conclusione dell’accordo dev’essere per forza rimandata, però l’obiettivo non è cambiato.

Non sembra incidere neppure il malcontento di Microsoft riguardo a Nokia X, la linea di tre smartphone con una versione estremamente personalizzata di Android che i Finlandesi hanno presentato alla MWC 2014. La nuova gamma ha un futuro, dopo la transizione, oppure Redmond deciderà di tagliarla e puntare sui low cost come Lumia 620 che trascinano le vendite dei dispositivi con Windows Phone 8? Al momento, è impossibile fare delle previsioni: mi stupirebbe – per la reazione immediata di Microsoft – vedere altri Nokia X in futuro.

photo credit: nechbi via photopin cc