La conferenza di apertura della Microsoft Build 2016 è stato l’appuntamento in cui l’azienda di Redmond ha svelato alcune tra le principali novità riguardanti il mondo software, sia per gli utenti e gli sviluppatori. La Build 2016 ha avuto come principali protagonisti Windows 10, con il nuovo aggiornamento Anniversary Update, il visore per la realtà aumentata Microsoft HoloLens, la cui distribuzione parte da oggi, e allo stesso tempo l’espansione del livello di integrazione di Cortana nelle varie app, nuovi framework e molto altro ancora.

Build 2016: Windows 10 Anniversary Edition

Windows 10 Anniversary Edition

Schermata Windows 10 Anniversary Edition

La Build 2016 ha portato con sé tantissime novità. In particolare, Microsoft ha fatto il punto della situazione su Windows 10. Il nuovo sistema operativo ha raggiunto quota 270 milioni di utenti attivi in 8 mesi dal lancio dalla prima versione stabile. Allo stesso tempo, sul mercato vengono proposti più di 500 nuovi dispositivi realizzati, appositamente, per Windows 10.

Il 2016 porterà con sé anche una nuova versione di Windows 10, denominata Anniversary Edition, che giungerà anche su Xbox One. Tra le principali novità troveremo Windows Ink, una piattaforma veramente innovativa che permette di migliorare la produttività trasformando la penna e il computer in una valida alternativa alla tradizionale accoppiata carta e penna.

Non solo, Windows si trasforma anche nella casa ideale per gli sviluppatori. Infatti, con l’aggiornamento Windows 10 Anniversary Edition verrà introdotto il supporto della shell Bash e dei file binari Ubuntu. Questa scelta farà la felicità di tantissimi developer e di tutti coloro che amano creare applicazioni appoggiandosi alla tradizionale linea di comando.

Ricordiamo che Windows 10 Anniversary Edition verrà rilasciata durante l’estate e, per il momento, Microsoft non ha ancora annunciato una data ufficiale.

Build 2016: HoloLens, disponibile il dev kit

Microsoft HoloLens

Microsoft HoloLens

Un’altra importante novità della Build 2016 è stato l’annuncio dell’inizio delle spedizioni del kit per sviluppatori degli HoloLens, il tanto atteso visore per la realtà aumentata di Microsoft. L’azienda di Redmond aveva aperto, lo scorso mese, i preordini di HoloLens, al prezzo di 3000 dollari, per determinati sviluppatori negli Stati Uniti e in Canada. Inoltre, è stato annunciato anche Skype per HoloLens, oltre al rilascio dell’app “Galaxy Explorer Project” e il debutto di app di terze parti create da Japan Airlines, VolksWagen, Saab, Volvo, Audi, NASA, Autodesk e Lowe’s.

Build 2016: Cortana più intelligente ed ovunque

Cortana nelle app

Cortana sarà all’interno delle app

Il famoso assistente vocale Cortana diventerà più intelligente e verrà reso disponibile su più piattaforme. Infatti, con il rilascio dell’Anniversary Update, Cortana debutterà su Xbox One. Per quanto riguarda le Universal App, Cortana verrà integrato all’interno di Skype, con la funzione di “chatbot”. Sarà possibile effettuare una conversazione con Cortana, chiedere di prenotare una stanza in hotel, fissare appuntamenti nel calendario, cercare informazioni utili online e molto altro ancora. Non solo, Cortana sarà presente nel Calendario e in Posta di Outlook, oltre ad essere disponibile anche su Android.

Build 2016: il futuro sarà ricco di Bot

Logo Build 2016

Durante la Build 2016 è stato posto particolare focus anche per quanto riguarda i bot. Secondo la stessa Microsoft, in futuro vi saranno tantissimi Bot e anche gli sviluppatori potranno crearne uno, in modo semplice e rapido. Grazie al Microsoft Bot Framework, gli sviluppatori potranno appoggiarsi ad un ampio set di tool per la creazione di bot automatici, per rispondere agli utenti.

Microsoft aiuterà ad aumentare l’intelligenza di questi bot offrendo “servizi micro cognitivi”, tra cui l’abilità di comprendere il linguaggio naturale o analizzare immagini, etichette e molto altro ancora. Inoltre, Microsoft Bot Framework verrà integrato in un’ampia gamma di piattaforme, tra cui Skype, Slack, Telegram, email e sul web. La promessa di Microsoft è quella di permettere a tutti gli sviluppatori di inserire intelligenza artificiale all’interno delle proprie app.