Microsoft acquista ufficialmente Mojang, l’azienda dietro al popolare gioco Minecraft per una cifra pari a 2.5 miliardi. Questa acquisizione non è una vera e propria sorpresa, visto che nelle scorse settimane sono circolati innumerevoli rumors a riguardo. Mojang è la prima importante acquisizione effettuata dal nuovo CEO di Microsoft, Satya Nadella.

Il mondo dei videogame è importante per Microsoft e l’acquisizione di Mojang, società svedese produttrice di videogiochi e conosciuta per aver creato Minecraft, conferma questo interesse. Con una spesa pari a 2.5 miliardi di dollari, il passaggio di proprietà dovrebbe avvenire entro la fine dell’anno, dopo le verifiche svolte dall’antitrust. Nella storia di Microsoft, quest’ultima acquisizione si pone in seconda posizione dopo quella della divisione di Nokia, che si occupa di smartphone, costata oltre 7 miliardi di dollari.

Il successo di Minecraft è decretato dalle oltre 100 milioni di copie scaricate su PC, PlayStation, Xbox e smartphone e tablet. Questo gioco permette di costruire i propri mondi e condividerli con i propri amici. La prima versione, alpha, venne rilasciata a maggio 2009 e, dopo molteplici correzioni di bug, nel 2011, fece il vero e proprio debutto. Seppur l’interfaccia grafica sia “spartana” e il gioco è basato sui classici mattoncini daniesi LEGO, Minecraft ha raggiunto il successo grazie alla semplicità e la possibilità di essere disponibile per qualsiasi dispositivo, tranne che Windows Phone.

Markus Persson, ideatore di Minecraft e cofondatore di Mojang, lo scorso giugno, ha sottolineato l’impossibilità di creare una versione ad-hoc per Windows Phone, dal momento che il numero di utenti non risultava essere sufficiente per sviluppare un’app dedicata. L’acquisizione, quindi, permetterebbe a Microsoft di sviluppare una versione ad-hoc di Windows Phone, ma allo stesso tempo potrebbe impiegare il know how per realizzare nuovi giochi e non solo. Nel comunicato stampa, Microsoft non cita mai direttamente Windows Phone e, allo stesso tempo, garantisce che il gioco continuerà ad essere multipiattaforma, su Android, iOS e PlayStation.

Infine, il creatore Markus Persson ha annunciato di abbandonare l’azienda con una lettera dedicata a tutta la comunità di Minecraft che ripercorre tutte le vicissitudini riguardanti i passaggi nella licenza d’uso del videogioco, che avevano portato a varie polemiche online. Persson termina dicendo che: “Non si tratta di soldi. Si tratta della mia salute mentale.

photo credit: BagoGames via photopin cc