Facebook ha annunciato che l’applicazione di messaggistica istantanea Messenger sarà accessibile anche a tutti coloro che non sono iscritti al popolare social network. L’apertura a tutti gli utenti permetterà a Facebook di ampliare il numero di utenti che utilizzano quotidianamente Messenger, visto che verrà richiesto di registrarsi solamente tramite nome, cognome e numero di telefono.

Facebook rivoluziona il servizio di messaggistica istantanea Facebook Messenger, rendendolo ancor più indipendente. Da ora in poi, proprio come accade su WhatsApp, gli utenti potranno iscriversi e accedere a Messenger fornendo solamente un numero di telefono, nome, cognome e anche una fotografia per completare il profilo.

Questa novità, per il momento, è stato rilasciata solamente negli Stati Uniti, Canada, Perù e Venezuela, anche se verrà estesa anche agli altri paesi in futuro. L’indipendenza di Messenger, inoltre, apre la strada a soluzioni interessanti per il servizio di messaggistica che sta diventando sempre di più una piattaforma di comunicazione flessibile e aperta a tutti. Ad oggi, Messenger viene utilizzato da oltre 700 milioni di utenti e renderlo indipendente può rappresentare la carta vincente per aumentare ancor di più la propria fetta di mercato. Facebook, infatti, sembra aver in mente importanti piani di espansione, anche se il capo dell’app, David Marcus, ha sottolineato come Messenger incontri ancora difficoltà con la censura, come nel caso cinese, visto che gli indirizzi IP utilizzati per Messenger sono sempre quelli di Facebook.

Facebook Messenger aperto a tutti

Messenger funziona anche senza account Facebook

Adesso, quindi, tutti gli utenti che installeranno Messenger sul proprio smartphone o tablet vedranno nella schermata di benvenuto l’opzione “non hai un account Facebook?”. Selezionandola si aprirà la pagina per l’iscrizione in cui inserire il numero di telefono. Ricordiamo, infine, che già nel 2012 Facebook aveva testato Messenger senza registrazione a Facebook, in India e altri tre paesi, ma l’esperimento era stato bloccato dopo pochi mesi. Facebook riprova a rendere Messenger una piattaforma aperta a tutti e sarà interessante se questa novità verrà apprezzata dal grande pubblico.