Se c’è la Apple in gioco, si deve parlare di una qualche battaglia brevettuale, è il minimo in questo periodo visto che la Mela Morsicata è la grande protagonista dell’agone giudiziario internazionale. Stavolta ad essere messo in discussione è il marchio iPad e la controparte sembra avere anche ragione. Una recente sentenza ha stabilito che il tablet della Apple, l’iPad, per il quale è in cantiere la terza versione, è prodotto in violazione del marchio iPAD che è stato registrato dall’azienda cinese Porview.

Vista la sentenza, un giudice cinese ha iniziato a farla mettere in pratica chiedendo ad un rivenditore di prodotti elettronici, di togliere dai propri scaffali i dispositivi “non regolari”, cioè quelli della Apple.

Una mossa che se replicata in tutto il territorio cinese, rischia di far barcollare le vendite di Cupertino. Ma un modo per chiudere la storia c’è: basta pagare, si potrebbe sintetizzare.

La Porview, infatti, è disposta a capitolare dopo aver ricevuto dalla Apple la modica cifra di 400 milioni di euro. Da Cupertino però fanno sapere di non essere assolutamente disposti a lasciar perdere così facilmente.

I legali della Mela Morsicata annunciano di voler denunciare per diffamazione sia l’azienda Proview che il suo fondatore Yang Rongshan che avrebbero infangato la reputazione dell’iPad.