Un po’ di tempo fa abbiamo parlato di quelle piattaforme online che ospitano le idee degli utenti e fanno in modo che gli stessi utenti raccolgano fondi per realizzare il loro sogno. Una di queste è Kickstarter che ha ospitato l’interessante iniziativa di Makey Makey.

Su Kickstarter ci trovi veramente di tutto, ci sono persone, inventori e visionari, che vorrebbero vedersi finanziare anche dei progetti improbabili con l’esborso di cifre stratosferiche. Molte volte la platea del web punisce gli audaci e soprattutto gli imbroglioni e i soldi vanno a finire su progetti più modesti ed interessanti.

Non so se sia modesto, di sicuro è interessante quel che propongono gli inventori di Makey Makey che hanno preso spunto dall’imperante affermazione del touch per sensibilizzare la platea di investitori.

La questione è semplice: gli strumenti touch restituiscono una risposta immediata agli utenti che li usano. Ad ogni tocco corrisponde un’azione che fornisce anche una gratificazione. Makey Makey aspira a fare in modo che da qualunque oggetti si possano ottenere queste risposte.

L’obiettivo è di diffondere un controller touch che trasformi qualsiasi oggetto in un oggetto parlante, attraverso il collegamento tra questi oggetti e un computer e attraverso la traduzione di input elettrici in altrettante risposte visive o sonore.

Immaginate di collegare per esempio Makey Makey alla scala che conduce al vostro appartamento e trasformare i gradini in tasti del pianoforte. Carino no?