In questi giorni sono alla disperata ricerca di un prodotto che permetta di gestire i social network direttamente dall’interno del client per le mail. Ho provato diversi programmi e l’unico che mi ha in parte soddisfatto è Postbox.

Non si tratta di un prodotto nuovissimo, ma il recente update l’ha reso niente male. Di base è un normalissimo client email come Mail App, ma ha una serie di funzioni molto utili, a partire dall’integrazione con Evernote, cioè dalla possibilità di creare una nota direttamente da una mail.

Lato social, Postbox permette di scrivere un post su Facebook, Twitter o LinkedIn senza dover accedere al social, ma attraverso una semplice finestra. Significa che se in una mail ricevo una cosa che vorrei postare posso farlo senza abbandonare il client, risparmiando tempo ed evitando di ritrovarmi a curiosare fra i post degli amici (che la tentazione si sa fa l’uomo ladro).

In termini di produttività Postbox ha una semplicissima funzione che però trovo molto utile: cliccando su una mail con il tasto destro è possibile taggare to-do un messaggio. Nella barra superiore del client abbiamo la possibilità di inserire un bottone per creare nuovi to-do e ovviamente un link alla nostra to-do list (se ancora non avete scelto la vostra app per la to-do list date un’occhio alla nostra lista).

Postbox ha anche altre caratteristiche come la possibilità di creare topic (progetti) in cui aggiungere ogni messaggio e il supporto a Dropbox per gli allegati.

Alcune opzioni di Postbox collidono con Mailbox, che per me è la miglior app per la mail, anche se nella gestione della to-do list, per cui dovrebbe brillare, in realtà si dimostra meno utile di Postbox. Peccato che non si possano ordinare a piacimento le label nella barra superiore, come invece si può fare su Mail App.

Postbox è disponibile a dieci dollari dopo il primo mese di trial, sia per Mac che per Windows.