È il caso di lanciare un allarme per tutti gli utenti Apple in vacanza con Mavericks. Se usate chiavette o smartphone per accedere a Internet, fate attenzione: vi si potrebbe consumare tutto il traffico che avete a disposizione dal vostro piano in pochi giorni. A me è capitato con il mio [MacBook Air](http://hi-tech.leonardo.it/tag/MacBook Air) del 2012.

Il nuovo sistema operativo di Apple infatti può incorrere in un consumo spropositato di banda. Ve ne accorgete se aprite l’app Activity Monitor e mettete in ordine i risultati sulla base dei dati ricevuti. Vi accorgerete che in cima c’è il browser che state usando. Fate questo test insieme a me: chiudete il browser killandolo direttamente da Activity Monitor, dopo aver chiuso tutte le tab aperte. Ora aprite di nuovo il browser, senza visitare alcuna pagina, e attendete. Nel giro di pochi secondi vedrete il browser scalare la classifica e verificherete un consumo di dati impressionante. Vale a dire diversi megabyte pur senza aver aperto alcuna pagina web.

Il problema non si presenta su tutti i Mac, ma è abbastanza diffuso da aver dato il là a diversi thread sul sito di supporto di Apple. Una possibile soluzione che ho trovato è disattivare la voce “CRL” all’interno delle preferenze di Keychain, sezione certificati. Attenzione però: non è il miglior modo di garantirvi la sicurezza on line quello di disabilitare il controllo dei certificati! Per qualche strano motivo però Mavericks sembra, in alcuni casi, continuare a scaricare i certificati. Se avete bisogno di navigare con il vostro cellulare o chiavetta, seguite questo procedimento.

  1. Disabilitate CRL su tutti gli account del Mac (admin compreso);
  2. Entrate nel terminale ed eseguite questo comando: sudo rm -i ~root/Library/Caches/ocspd/Cache.db
  3. Riavviate.

È un paliativo. Intanto il download continuo di dati è stato arginato. Raggiunti i 2MB piuttosto presto, poi l’incremento diventa regolare e non più mostruoso. Lo potete verificare nel grafico della banda consumata. Abbiamo messa una (cattiva) pezza. Intanto il nostro piano Internet è (più o meno) salvo. In attesa che Apple risolva il problema, fate così, ma ricordatevi di riabilitare i CRL quando tornare sotto wi-fi. Sempre meglio.

Seguite Silvio Gulizia su Twitter e Google+