Il mondo della fotografia era in attesa della presentazione della Panasonic Lumix GX1, nella speranza che questa macchina fosse in grado di rispettare le novità annunciate.Sembra essere perfettamente in linea con le indiscrezioni che erano circolate sul suo conto, almeno per quel che riguarda il sensore, il corpo macchina e la sensibilità. Andiamo con ordine. Il sensore è un Micro Quattro Terzi Live-MOS da 16 megapixel. Il corpo macchina è più squadrato e sembra suggerire le forme della Lumix GF1. Per quanto riguarda la sensibilità, quella massima è a 12800 ISO.

Insomma un gioiellino che vale la pena tenere tra le mani per qualche scatto o per una passione duratura.

La Panasonic ha puntato molto sul processore d’immagine che è il Venus Engine. L’obiettivo è quello di avere immagini di migliore qualità (quelle riproducibili dal sensore). Si è sviluppata molto anche la parte di autofocus per mettere in relazione il sensore e l’ottica che viaggia a 120 frame al secondo.

La messa a fuoco dunque è rapida. Per quanto riguarda il display sul retro è di 3 pollici, a 460 mila punti e supporta la tecnologia touchscreen, in grado di tenere d’occhio, è il caso di dirlo, anche l’estensione dello zoom.