Con l’iPhone 5 Apple ha fatto una cosa che non s’era mai vista. Poi per altro replicata con l’iPad Mini. Ha ascoltato la gente, ha dato risposta a quelle indagini di mercato che il buon Steve tanto odiava, convinto com’era che per innovare bisogna lavorare su prodotti visionari, cose che la gente vorrà e non che vuole. Perché la gente vuole quello che ha. Così se vede che ci sono smartphone Android con lo schermo più grande vuole che l’iPhone abbia lo schermo più grande. Apple ha dato ascolto a questa richiesta e la gente ora ama meno l’iPhone.

Oggi Mashable ha riportato i risultati di uno studio condotto sui proprietari di iPhone un anno fa e replicato oggi. Con l’uscita dell’iPhone 5 la percentuale di persone convinte di ricomprare il melafonino sono passate negli Stati Uniti dal 93 per cento all’88 per cento. In Europa il calo è stato dall’88 al 75 per cento.

Fra quelli rimasti fedeli al brand c’è sicuramente gente come me, rimasta delusa dal nuovo schermo dell’iPhone, ma che comunque probabilmente lo ricomprerà. Diciamo la verità, per chi non ha le mani particolarmente grosse arrivare in cima allo schermo con il pollice è complicato. Attenzione: ci si arriva lo stesso, non voglio dire di no. Per farlo però è necessario cambiare l’impugnatura facendo scivolare il palmo della mano leggermente di lato. Nel mio caso specifico, aumentando il rischio di caduta dello smartphone. Lo schermo ha poi i suoi vantaggi, come il formato 16:9 che permette di vedere foto e video a schermo pieno sul televisore. Apple però si è dimenticata di sottolinearlo a sufficienza.

Magari non è stato solo la mancanza di innovazione da parte dell’iPhone 5 a scontentare i fanboi. Vero è infatti che l’iPhone 5 resta il miglior iPhone di sempre quanto a prestazioni e componentistica. Un po’ meno quanto a sistema operativo, visto i piccoli problemi di iOS 6 dalle mappe in giù. Aggiungiamo la cattiva copertura stampa sui problemi alla Foxconn che vengono regolarmente riversati su Cupertino e il calo di fedeltà tutto sommato è più che giustificato.

photo credit: Ed Yourdon via photopin cc