LinkedIn dopo aver confermato il furto di password di circa 6,5 milioni di utenti ha comunicato di aver sospeso gli account a rischio di violazione per proteggere gli utenti stessi.

I rischi per gli altri utenti non sono eccessivi, in quanto la lista di chiavi di accesso è stata messa online criptata, ma il consiglio è quello di cambiare immediatamente le proprie credenziali.

Per sapere se la nostra password è a rischio basta accedere al sito LeakedIn.org e dopo pochi secondi dall’inserimento della password, un apposito avviso segnalerà se questa sia stata o meno sottratta.

Le password sottratte sono state pubblicate all’interno di un social network russo protette da crittografia con algoritmo SHA.