La continua evoluzione di LinkedIn mi sorprende sempre, di solito in negativo, ma l’ultima novità mi pare degna di nota. Oggi il social network ha lanciato una nuova piattaforma di publishing con l’obiettivo di aiutare gli utenti a definire meglio il proprio “brand professionale”.

Che significa? Che d’ora in poi se pubblicheremo un post su LinkedIn questo diventerà parte integrante del nostro profilo professionale e verrà condiviso con il nostro network. La novità sarà riservata inizialmente ai soli utenti di lingua inglese. Praticamente, è un invito a bloggare all’interno del network.

Come su Twitter, d’ora in poi si potranno anche seguire gli utenti di LinekedIn senza necessariamente stabilire un collegamento diretto.

In pratica, LinkedIn ha deciso di estendere a tutti una funzione riservata inizialmente ai soli influencer. Ora tutti potranno creare delle note simili a quelle che vengono pubblicate su Facebook.

Si tratta di un’operazione che mi ricorda quella realizzata da Quora con il lancio del blog interno alla community. Un modo per sfruttare a proprio vantaggio questa nuova opzione sarà quello di creare note che “proseguono” sul nostro sito.

Onde evitare di ricevere una nuova valanga di notifiche, vi consiglio per tempo di eliminare i contatti non graditi.