Lindsay Lohan è ancora alle prese con uno dei suoi passatempi preferiti, ovvero citare in giudizio presunti profanatori della sua immagine. L’avevamo già vista in azione nel 2010, quando l’attrice si è sentita presa in causa per via di uno spot dove una bambina alcolizzata di latte portava il suo nome. L’anno seguente invece, la Lohan se l’è presa con il rapper Pitbul, che ha osato nominarla all’interno di una sua canzone. Adesso è la volta della casa di produzione americana Rockstar Game, accusata di aver riprodotto le sembianze di Lindsay in un personaggio di Grand Theft Auto V, uno fra i videogame più venduti in assoluto degli ultimi anni.

Secondo i legali, il personaggio Lacey Jonas del controverso videogioco sarebbe troppo simile all’attrice newyorkese sia nei tratti estetici, che nella voce riprodotta, per arrivare anche al modo di vestire e ad alcuni elementi propri della vita della Star. La società coinvolta non ha ancora risposto ufficialmente delle accuse.

LEGGI ANCHE

Lindsay Lohan aborto

Vip ai servizi sociali