Ogni volta che acquistiamo un PC in un centro commerciale, troviamo sempre l’etichetta della Microsoft con il codice di attivazione, ma ci siamo mai domandati cosa significa quell’etichetta? E quale tipo di licenza abbiamo acquistato.

La maggior parte delle licenze che si trovano sui PC nella grossa distribuzione è del tipo OEM (Original Equipment Manufactuer), questo tipo di licenza è fornita dai produttori di hardware al compratore per conto del creatore di un determinato software (principalmente Microsoft.)

Per far capire meglio si tratta della classica licenza di Windows pre-installato su un PC di “marca” ma anche della licenza di un software di masterizzazione fornito con un masterizzatore hardware e tutto quello che riguarda la combinazione tra un software e un pezzo di “ferro”.

In questi casi il software è fornito in abbinamento con l’hardware e come tale è strettamente legato all’hardware, cioè non può essere utilizzato su PC o su un dispositivo diverso da quello con cui è stato acquisito. In sostanza la vita del software è legata all’hardware: se si verifica un problema tecnico sul dispositivo originale, non siamo autorizzati a usare il software su un hardware diverso.

Il vantaggio delle licenze OEM è di avere un costo molto più accessibile rispetto a quello del software con licenza standard, questa differenza di prezzo (considerevole) è motivata dal fatto che la licenza è legata all’hardware e che il produttore hardware prende accordi “particolari2 per cercare di abbassare il prezzo del software.

Naturalmente nel caso di licenza OEM solo il software è legato all’hardware, ma non il contrario, quindi se l’utente volesse utilizzare un altro sistema operativo sul PC, è liberamente libero di farlo.