Discutendo ieri con un’amica ho dovuto chiedere perdono per non avere il tempo di leggere il libro che aveva curato. Come sicuramente qualcuno di voi, anche io sono di quelli che accumula libri da leggere. Il perché questa sia cosa buona e giusta lo spiega bene Nassim Taleb:

Invecchiando accumuli conoscenza e libri, e il numero crescente di libri non letti sugli scaffali ti guarderà minacciosamente. In verità però molte più cose conosci, più ampie saranno le file dei libri non letti.

Ogni libro non letto è un’opzione per allargare i nostri orizzonti. Ci sono però libri e libri ed è per questo che ho deciso di compilare una lista dei miei libri geek, letti e da leggere. La lista completa è ospitata su Urlist, startup italiana che offre un sistema per catalogare link. Ogni libro è linkato alla propria scheda su Amazon (purtroppo vanno aperti in una nuova tab e non all’interno di Urlist).

Di questa fanno parte testi biografici (Steve Jobs di Isacsson), libri non solo da leggere, ma anche da studiare (The Universal Traveler e The Black Swan) e qualche cosa per svagarsi come la Guida galattica per autostoppisti, oltre che testi da cui prendere spunto per la vita reale come The Start-up of you.

Ora tocca a voi: qual è la vostra #geekreadinglist? Compilatela usando Urlist e diffondetela tramite Twitter con questo hashtag, come faremo noi di Leonardo. Potete seguire la mia lista e invitarmi (tramite Twitter) a seguire la vostra. Ogni volta che aggiungerò un libro verrete notificati e così sarà per voi.

Intanto, visto che paliamo di libri, date un occhio a Bookextracts per vedere i sunti dei libri che vi possono interessare.