LG G6 è sicuramente uno smartphone interessante con ottime qualità ma alcuni utenti hanno storto il naso sul fatto che la casa coreana non abbia utilizzato il processore Snapdragon 835 ed abbia preferito una soluzione dello scorso anno. Anche se dal punto della qualità d’uso questo non avrebbe segnato particolari differenze, sul fronte dell’immagine questa scelta ha pesato un po’. Inoltre, non aver potuto optare per l’ultimo processore di casa Qualcomm è significato anche dover rinunciare ad altre raffinatezze come il Bluetooth 5.0 ed al 4.5G.

Proprio per questo, per il suo prossimo top di gamma Android, LG punterà direttamente e da subito al meglio sul fronte dei processori. La casa coreana, infatti, avrebbe stretto un accordo proprio con Qualcomm per poter disporre da subito dei processori di ultimissima generazione.

Questo significa, che l’LG G7 (nome provvisorio), dovrebbe disporre del futuro Qualcomm Snapdragon 845 che offrirà un netto salto prestazionale. LG del resto non può farsi prendere ancora in contropiede. Sui dispositivi mobile sono in arrivo soluzioni sempre più sofisticate come la realtà virtuale/aumentata ed i futuri smartphone dovranno essere in grado di poterle gestire senza problemi. Serve quindi tutta la potenza che solo i futuri processori potranno offrire.

LG G7, dunque, il cui lavoro di sviluppo dovrebbe essere già iniziato, dovrebbe disporre di una piattaforma hardware di sicura potenza in grado di sposare al meglio tutte le nuove tecnologie che arriveranno per i dispositivi mobile.