Chromebase è il nome che LG ha assegnato al primo All-In-One con Chrome OS, un dispositivo che sarà presentato al CES 2014 di Las Vegas del quale non è ancora stato ufficializzato il prezzo. Il design è davvero molto simile a quello degli iMac, ma le caratteristiche tecniche sono troppo distanti: il sistema operativo Linux-based mantenuto da Google non ha bisogno di grandi capacità di calcolo, però le specifiche del device lasciano comunque a desiderare. È un’alternativa credibile ai computer su Windows 8.1? Non ne sono sicuro.

Secondo me, il costo del prodotto sarà determinante: se fosse al di sotto dei $300 potrebbe essere appetibile, altrimenti non giustificherei la spesa. Ecco le caratteristiche.

  • processore Intel Celeron
  • display da 21.5″ Full HD (1920×1080) IPS
  • 2Gb di RAM
  • 16Gb su iSSD
  • HDMI-in, 3x USB 2.0, 1x USB 3.0 x1 e LAN
  • webcam da 1.3Mpixel a 720p HD-Ready
  • tastiera, mouse e passacavi

Mentre Dell prepara il proprio Chromebook 11 e HP ha dei difetti di produzione, LG ha pensato a un nuovo form factor per cui Chrome OS non sembra ancora pronto.

Il grosso problema di Chrome OS sono le applicazioni: Google cerca qualunque espediente per convincere gli sviluppatori a realizzarne, però – finché non interverranno delle aziende come Adobe con la Creative Cloud – la proposta non è paragonabile a quella di Windows o Mac OS X. Se dovete giusto navigare e comporre dei documenti ipertestuali, allora il sistema operativo è perfetto. Se avete la necessità di programmare o realizzare dei progetti di design, invece, Chrome OS non è ancora all’altezza e il Chromebase sarebbe inutile.