Ci è piaciuto per il suo nuovo schermo IPS da 11,6″ a 400 nit con vetro Corning® Gorilla® Glass e tecnologia multi-touch a dieci punti, che si integra perfettamente con Windows 8. Ci ha convinto con la penna digitale ThinkPad opzionale, che consente di convertire un testo scritto a mano in testo digitalizzato, con la doppia webcam, il Dolby Home Theatre e il suo effetto surround caldo e avvolgente.

Ѐ il ThinkPad Helix di Lenovo, sempre attivo e connesso attraverso la tecnologia 3G integrata e il supporto per 4G, le tecnologie NFC e WiFi e il nuovissimo Lenovo Mobile Access che, con scheda prepagata, vi consente di accedere online senza la necessità di un contratto a lungo termine.

Ha inoltre funzioni di sicurezza particolarmente avanzate: le tecnologie Intel® vPro™ e AMT, la crittografia del BIOS, la porta per lucchetto Kensington, il chip TPM e il supporto per Computrace® rendono il portatile Helix uno strumento ideale per le aziende.

Ma quello che ci ha davvero conquistati di questo convertibile è la flessibilità. Dotato di un processore Intel® Core™ i5, combina le prestazioni di un UltrabookTM aziendale con la mobilità di un tablet e può essere utilizzato in quattro diverse modalità, grazie all’esclusivo design “Rip and Flip”: vi permette infatti di staccare completamente lo schermo, trasformandolo all’istante in un tablet – e molto più potente di qualsiasi altro tablet, grazie alla piattaforma Intel iCore.

Se come noi di Leonardo.it siete in continuo movimento, non sarete più costretti a scegliere tra diversi dispositivi: ThinkPad Helix si adatta al tipo di attività che state svolgendo.

Sicuri della stessa durata della batteria e delle prestazioni tradizionalmente offerte dai sistemi Intel®, potrete scegliere fra la modalità portatile, ideale per lavorare, e la modalità tablet, perfetta per navigare in Internet. Oppure potrete optare per quella “stand” che vi consentirà di condividere facilmente dati e presentazioni: è sufficiente collegare la parte mobile del ThinkPad Helix (il “tablet”) alla tastiera tenendola inclinata all’indietro, praticamente con lo schermo girato verso il vostro interlocutore anzichè verso di voi. Infine, con la modalità Tablet+ potrete ripiegare il sistema sulla base di supporto e ottenere così un numero di porte, una durata della batteria e un livello di alimentazione superiore rispetto a un tablet standard: davvero smart!

Publiredazionale