Il tanto atteso primo smartphone Project Tango per il mercato consumer è finalmente arrivato. Lenovo ha infatti annunciato PHAB2 Pro, PHAB2 Plus e PHAB2. Trattasi di tre smartphone che puntano a rivoluzionare il mercato dei dispositivi mobile. I nuovi smartphone di Lenovo sono, infatti, stati dotati di una serie di sensori che permettono di portare all’interno la realtà aumentata per rivoluzionare i settori dell’intrattenimento e del gaming.

La speciale fotocamera ed i sensori sviluppati appositamente con le specifiche di Project Tango, permetteranno a questi smartphone di mappare l’ambiente circostante e di sfruttare così la realtà aumentata senza doversi dotare di sofisticati e costosi visori dedicati. Tuttavia, tutta questa tecnologia sarà proposta da Lenovo ad un prezzo competitivo, questo per incentivarne la diffusione. PHAB2 Pro, quello che potrebbe essere definito come il top di gamma di questi prodotti, dispone di un processore Snapdragon 652 con GPU Adreno 510 e 4 GB di RAM. Davvero molto generoso lo schermo che presenta una diagonale da ben 6.4 pollici con risoluzione QHD (2560 x 1440). Smartphone che dispone, anche, di una fotocamera posteriore da 16 MP in grado di registrare video a 4K (8 MP quella frontale). Presente, anche un sistema di speaker Dolby Audio TM Capture 5.1 con Dolby Atmos.

PHAB2 Plus dispone, invece, di un processore Mediatek MT8783, 3GB di RAM e di una fotocamera posteriore dual da 13 MP per foto particolarmente luminose. PHAB2 è, invece, il modello “base” con processore Mediatek MT8735, 2 GB di RAM ed una normale fotocamera posteriore da 13 MP (anteriore da 5 MP). Ancora nessuna notizia precisa per disponibilità e prezzi ma la versione più costosa dovrebbe costare sui 500 dollari ed il lancio è atteso per il prossimo autunno in tutto il mondo.

Moto Z e Moto Z Force

Ma gli smartphone Project Tango non sono state le uniche sorprese di Lenovo. L’azienda ha, infatti, annunciato Moto Z e Moto Z Force, due smartphone Android con caratteristiche da top di gamma. Dotati del potente processore Qualcomm Snapdragon 820, questi nuovi smartphone dispongono anche di una serie di connettori che permettono l’aggiunta di accessori interni chiamati MotoMods. Dotati di un design sottile ed elegante, Moto Z e Moto Z Force dispongono di caratteristiche tecniche molto simili. Stesso processore, Moto Z con un clock inferiore, stessa RAM e stessa dotazione di memoria flash. Differenze sulla dotazione delle fotocamere, sulla batteria e sullo spessore.

Tra i MotoMods si evidenziano Power Pack per aumentare l’autonomia e Moto Insta-Share Projector che trasforma gli smartphone in un proiettore.