Quello che si propone di fare lekiosk in Italia è diventare uno status symbol proprio come i prodotti Apple. Insomma chi ha un iPad non potrà non avere anche l’edicola digitale messa a punto dall’azienda di Michael Philippe. 

Partiamo da una domanda semplice: cos’è lekiosk? Si tratta di un’app che consente la lettura di magazine e riviste. Per il momento è stata sperimentata in Francia dove ha ottenuto un enorme successo ed è stata lanciata anche in Inghilterra, tanto che a Londra lekiosk può contare anche su due dipendenti.

In Italia, sebbene l’editoria sia in crisi, lekiosk potrebbe funzionare, perché, spiega il suo fondatore, è facile da usare, consente di leggere tante riviste sottoscrivendo un abbonamento esiguo e soprattutto asseconda la passione degli italiani per i prodotti Apple.

Per il momento è stata lanciata sul mercato tricolore una versione valida soltanto per il sistema operativo Apple iOS, ma presto, nel 2013, sarà pronta un’altra versione per Android e Windows Phone 8.

L’applicazione, in Francia, è stata scaricata qualcosa come 500 mila volte e questo determina una penetrazione sul mercato pari al 25 per cento.

L’utente italiano potrà scegliere di sottoscrivere un abbonamento ad una sola rivista, oppure, pagando mensilmente 9,99 euro, potrà leggerne 10 a scelta. La cifra da corrispondere è scalata dall’account iTunes.