Se eri un utente compulsivo di Last.fm, la notizia ti farà piacere: il social network è tornato a proporre la propria radio, che adesso è gratuita in tutto il mondo. Disponibile in alcuni paesi e a pagamento, questa funzionalità avrebbe potuto trasformare Last.fm in ciò che oggi è Spotify — dal quale puoi effettuare automaticamente lo scrobbling delle tracce e trasmetterlo al tuo profilo. Così non è stato, ma oggi Last.fm ha un’altra possibilità di farti apprezzare la musica che ami, a un prezzo davvero competitivo. È gratuito.

Se ricordi, avevo espresso delle perplessità su Last.fm a causa della chiusura di Exfm: il social network non ha la stessa popolarità d’un tempo e, senza poter ascoltare le tracce musicali, sarebbe “morto”. Riproporre la radio gratuita per tutti è l’ultima risorsa utile a recuperare una base d’utenza — basando il proprio business sulla pubblicità. Perché dovresti iscriverti o riattivare il tuo profilo su Last.fm? Essenzialmente, perché alla musica sono associati i video che artisti e gruppi pubblicano su YouTube come offre VEVO.

Pensi che sia un’alternativa credibile a Spotify? Aspetta, perché il servizio svedese è diffuso su tablet e smartphone con delle applicazioni dedicate ed è gratuito su tutti i tuoi dispositivi — se non intendi utilizzare Spotify Connect con un impianto Hi-Fi. Quello di Last.fm, invece, al momento è soltanto un riproduttore multimediale per il browser. La scelta mi sembra abbastanza ovvia, ma io non escluderei a priori un ritorno del social network sui dispositivi mobili con delle proposte equivalenti a quelle attive su Spotify.

Photo Credit: Anthony Volodkin via Photo Pin (CC)