Siete dei neofiti del software libero oppure vi siete convertiti all’open source da tempo.

In entrambi i casi vi farà piacere sapere che è disponibile la nuova release di Kubuntu che garantisce agli utenti alti standard di personalizzazione.

Vediamo insieme, dopo averlo istallato, quali sono i primi passi da compiere.

Dopo aver effettuato l’installazione di Kubuntu con il sistema tradizionale di Linux, potete riavviare il computer e loggarvi con il nome utente e la password che avete scelto in precedenza.

Per rendere più snella questa operazione potete anche checkare su “predefinito” prima di dare l’invio.

Una volta loggati fate partire Kickoff e scegliete “computer”. Da lì dirigetevi versio la cartella Impostazioni di Sistema e quindi nella scheda “amministrazione di sistema”, andate alla “gestione software“. Quel che potete fare subito, infatti, è aggiornare il sistema operativo.

Gestione software apre una finestra nel cui menu di sinistra trovate la voce “aggiornamenti software“, controllate i nuovi aggiornamenti con il pulsante dedicato e poi applicate il tutto.

Un’altra operazione senz’altro utile è quella di aggiornare le fonti, per farlo dovete cliccare su Impostazioni, poi su Modifica le origini e quindi su Aggiornamenti.

Definite le vostre scelte e poi cliccate prima su Chiudi, poi su Ricarica e poi di nuovo su Chiudi.