Nelle ultime due settimane ho avuto modo di provare il nuovo Kobo Aura. Già alcuni mesi fa avevo provato la versione precedente e ne ero rimasto piuttosto soddisfatto ma, con questo aggiornamento, mi sono realmente innamorato dell’eReader.

Già dal primo impatto ho avuto un’ottima impressione. Il package, seppur minimale, fa presagire che al suo interno troveremo un bel dispositivo. La contenzione contiene, oltre all’e-reader, le istruzioni per il setup e un cavo USB, utilizzato sia per la sincronizzazione su PC che per la ricarica della batteria.

Il primo avvio consiste in un setup iniziale, uguale al precedente visto sul Kobo Aura HD, molto semplice e rapido. Come di consueto è necessaria una connessione WiFi per poter sincronizzare il dispositivo col proprio account Kobo o per crearne uno. Dopo aver aspettato qualche secondo, il dispositivo è pronto.

Sono stato entusiasta da subito di provare questo dispositivo principalmente per due motivi: l’esperienza precedente con Kobo Aura HD e . Ebbene sì, ora su Kobo è possibile, oltre che leggere i vari eBook anche consultare i contenuti del servizio di read it later.l’integrazione di Pocket nel dispositivo

. Ebbene sì, ora su Kobo è possibile, oltre che leggere i vari eBook anche consultare i contenuti del servizio di read it later.

Sull’eBook reader soon present diversi titoli quail: “The Hobbit”, “City of Bones”, “The Walking Dead”, “The White Queen” e “the signal and the noise”. Tutti capolavori in lingua inglese, ma ho preferito sincronizzare il mio account Kobo per leggere i miei titoli. L’importazione di altri eBook anche in differenti formati è molto semplice e intuitiva.

Ho voluto provare Kobo Aura anche all’aperto e, tramite l’apposita funzionalità, la lettura all’esterno non è assolutamente un problema. Ma a catturare la mia attenzione è stata la voce “Beta Features” nel menu di sistema, da qua è possibile giocare a scacchi, prendere appunti, giocare a Sudoku o semplicemente navigare in Internet.

Un ottimo ebook Reader portatile e maneggevole, si infila in borsa, nello zaino o anche nella tasca dei pantaloni ed è sempre pronto all’utilizzo. La batteria, prima di scaricarsi ci ha impiegato una settimana, con un uso davvero intenso.

Questo nuovo Kobo Aura arriverà in autunno, ma valuto già da ora la possibilità di acquistarne uno, visti gli ottimi risultati e le performance che è riuscito a offrirmi in questo breve lasso di tempo.