Kobo, grande protagonista dell’eReading a livello internazionale, in autunno è pronta a snocciolare ai editor suoi lettori centinaia di periodici. Dall’economia allo sport, dalla salute alla moda, gli utenti avranno a disposizione tantissimi titoli, frutto di accordi con le maggiori società editrici di giornali in ogni angolo del globo: Condè Nast, Hearst Corporation, American Media, Mansueto fino alla nostra Mondadori e tante altre ancora dei paesi più disparati. La vera novità riguarderà però i più piccoli, vero terreno fertile dell’ eReading: circa 100 mila titoli di libri per ragazzi, con all’interno anche svariati bestseller. Queste novità arriveranno sul mercato già in autunno negli Usa, mentre in Europa la nuova offerta sarà presentata entro fine anno: il bookstore generale della società ha raggiunto ormai quota 4 milioni di titoli tra libri e altri prodotti editoriali.

Intanto però, proprio in questi giorni Kobo ha presentato la sua nuova linea di dispositivi di eReading, che comprende il nuovo eReader con tecnologia E Ink Kobo Aura 6”, e i tablet Kobo Arc 10HD e due Kobo Arc 7 certificati da Google. Inoltre, sono state potenziate le nuove app gratuite per le piattaforme Android e iOS, in modo da venire incontro al lettore. Soprattutto l’eReader con tecnologia Ink Kobo Aura 6” è strutturato per l’utente che vuole personalizzare la propria lettura, grazie al display edge-to-edge ad alta risoluzione (212 dpi) , i tablet Kobo Arc 10HD e Kobo Arc 7HD, dotati di tecnologia NVIDIA®, presentano bellissimi display ad alta definizione ed elevata capacità di risposta e un accesso totale alle funzionalità di Android 4.2.2 Jelly Bean e all’offerta del Google Play Store. Sono dei prodotti studiati a puntino per consentire una lettura non faticosa e più vicina possibile a quella di un libro cartaceo tradizionale.

Un passo avanti rispetto ai prodotti presentati in passato che Leonardo aveva recensito come Kobo Aura HD e Kobo Arc. Questa invece la presentazione di Kobo al Salone del Libro di Torino.