Avete mai pensato a quanto la nostra vita sia cambiata da quando sono comparsi i pc? Sono indispensabili per lavorare, per informarsi, per comunicare in ogni parte del mondo e per trascorrere il tempo libero. Ma sapete che ben 5 miliardi di persone, ovvero circa il 70% della popolazione mondiale, non possiede un computer?

Ecco che nasce Keepod, un sistema operativo che funziona tramite una semplice unità USB, eliminando la dipendenza fisica del computer. L’idea è quella di avere un sistema operativo in tasca. Keepod è la prima versione standardizzata di un sistema operativo utilizzabile anche da tutti coloro che non sono in possesso di una laurea informatica. Essendo il sistema operativo su un supporto USB, il software è di fatto distinto dall’hardware, riducendo il computer a nient’altro che un mezzo fisico. Non c’è bisogno di hard-disk e, senza alti costi di licenza e manutenzione, si potranno riutilizzare vecchi computer per sfruttare le più recenti tecnologie.

Lo scopo è quello di far sì che l’80% della popolazione povera mondiale abbia accesso al pc, distribuendo laptop inutilizzati ai quali associare le chiavette Keepod. E’ già partita la campagna per la raccolta fondi: per trasformare il sogno di Keepod in una realtà si dovrà arrivare a totalizzare una quota di fondi pari a 50mila $. Se volete contribuire anche voi visitate questo sito.

Guardate questo video per capire meglio di cosa si tratta:

Leggi anche:

Facebook novità: in arrivo il Giornale di Faccialibro, ispirato da Flipboard

Spotify gratis e senza limiti da oggi su tutte le piattaforme

WordPress 3.8 caratteristiche e novità: ecco in cosa è cambiato il CMS