L’evento del 9 settembre, insieme ai due nuovi modelli di iPhone 6 da 4.7″ e 5.5″, dovrebbe portare all’annuncio di iWatch — o, comunque, d’un dispositivo realizzato per integrarsi con Health e HealthKit di iOS 8 [vedi gallery]. Sono le ultime indiscrezioni sulla conferenza stampa (che Apple non ha ancora ufficialmente indetto): il device potrebbe essere un ibrido fra un fitness tracker e un telecomando per controllare le Apple TV, oltre ad avere le stesse funzioni degli smartwatch che sono già in commercio con Android o Tizen.

Se i rumor “puntano” su Health e HealthKit – la app e l’infrastruttura che la Mela ha presentato alla WWDC 2014 per la salute e il fitness – e non citano esplicitamente iWatch dovrebbe esserci un motivo preciso. Non è detto che il nuovo dispositivo, ribattezzato così dagli organi di stampa, sia davvero commercializzato con quel nome: potrebbe essere troppo vago per le sue funzionalità. Quale altra definizione possano avere scelto a Cupertino sarà un mistero fino al 9 settembre, a prescindere dalla disputa con la svizzera Swatch.

È realistico, aspettando anche iPad Air 2 e iPad Pro, che Apple presenti tre dispositivi in autunno e due entro l’inverno? Col probabile rinnovo dei computer portatili per Mac OS X Yosemite e le attese sulla nuova Apple TV i device da introdurre iniziano a essere un po’ troppi. Più dei nuovi tablet da ottobre, è credibile che Tim Cook intenda anticipare l’uscita di iWatch, per permettere agli sviluppatori di concentrarsi sulla realizzazione di app compatibili con Health e HealthKit — che arriveranno con l’aggiornamento a iOS 8.

Photo Credit: Kārlis Dambrāns via Photopin (CC)