Ieri Apple ha annunciato di aver assunto Paul Deneve, CEO del marchio di moda francese Yves Saint Laurent. La notizia è stata diffusa con un tweet di Adam Satariano, un giornalista di Bloomberg. E subito i fanboi si sono chiesti se questa non sia la conferma che l’iWatch sia in dirittura d’arrivo.

Satariano infatti ha spiegato che Deneve riporterà direttamente al CEO di Apple Tim Cook e si occuperà di non meglio definiti “progetti speciali”. Negli scorsi mesi si era parlato della possibilità che Apple assumesse un nuovo responsabile delle vendite, ma a quanto pare non sarà questo il ruolo di Deneve. Che per altro torna ad Apple dopo aver già collaborato con Cupertino negli anni Novanta.

Essendo esperto del mondo della moda, pare a tutti evidente che l’ex CEO di YSL si occuperà… Di moda. Che sia l’iWatch o altro, quello di cui tutti sono convinti è che Apple stia lavorando sui cosidetti wearable computer e l’iWatch rientra in questa categoria.

Dunque il prossimo prodotto di Apple sarà un oggetto da indossare e sarà un qualcosa di lusso. D’altra parte, non è già una cosa del genere l’iPhone? Ostentato sui tavoli di ogni locale e reso così fragile da quella sua eleganza di vetro e metallo che lo rende un oggetto prezioso. Un prodotto divenuto già estensione del nostro corpo per le funzioni che è in grado di assolvere. Da qui a indossarlo il passo è breve. Se i rumor fossero attenibili, brevissimo: per quanto ne sappiamo iWatch dovrebbe arrivare sul mercato in autunno, anche se per lo stesso periodo è atteso il nuovo iPhone.