L’iPhone X sicuramente ha colpito l’immaginazione degli utenti che aspettano con ansia il giorno del suo debutto previsto per il 3 novembre. Tuttavia, le scorte iniziali del nuovo melafonino potrebbero essere ancora più basse di quello che ci si poteva immaginare. Facile, dunque, ipotizzare un tutto esaurito quasi immediato quando Apple aprirà i preordini il 27 ottobre.

L’iPhone X, infatti, starebbe accumulando ritardi nella produzione. Christopher Caso, analista di Raymond James, ha condotto una verifica nella catena di approvvigionamento di Apple, scoprendo i piani di produzione di Cupertino. Secondo quanto emerso, Apple avrebbe accumulato ulteriori ritardi sulla produzione dell’iPhone X che dovrebbe partire solo verso metà ottobre e per entrare a regime solo a dicembre.

A questo punto, è logico attendersi che le scorte dell’iPhone X al debutto siano davvero ridotte all’osso, una situazione completamente differente rispetto all’iPhone 8 che, invece, può contare su scorte molto abbondanti.

Ma sarà altrettanto lecito attendersi che almeno sino a fine anno, le disponibilità dell’iPhone X potranno essere ridotte all’osso con nuove scorte che arriveranno con il lumicino. Quindi, solo i più rapidi ed i più fortunati, probabilmente, potranno riuscire ad acquistare il nuovo melafonino.

Quanto appurato da Christopher Caso andrebbe, contestualmente, a confermare quanto già affermato da KGI Securities che da tempo parlava di ampi ritardi e della difficoltà di Apple nel poter sostenere la domanda del’iPhone X almeno sino a fine 2017.