Sono passate solo poche ore dal primo evento ufficiale Apple del 2016, nel quale la Mela ha presentato diverse novità tra cui due dispositivi, come da aspettative, uno smartphone ed un tablet rispettivamente da 4 e 9,7 pollici. Il primo ha preso il nome di iPhone SE e sostituisce in pratica iPhone 5s come entry level della gamma, andando a soddisfare con lo stesso design ma caratteristiche di fascia alta i gusti di chi non ama gli smartphone troppo grandi (iPhone 6s e 6s Plus sono da 4,7 e 5,5 pollici). Il tablet è invece stato chiamato semplicemente iPad Pro ma è da 9,7 pollici diversamente dall’originale introdotto lo scorso autunno da 12,9 pollici, ma presenta le medesime caratteristiche più una fotocamera da 12 MP.

Nei mesi precedenti l’evento in questione sono state tante le voci sul ritorno di un iPhone da 4 pollici, ed ancora di più sul nome che questo avrebbe potuto prendere, passato nei rumors da iPhone 6c a iPhone 5SE sino al nome scelto definitivamente, ovvero iPhone SE. Ora dopo la presentazione ufficiale nel quale non è stato rivelato il significato, il capo della divisione marketing di Apple Jason Cipriani rivela che la sigla significa Special Edition secondo quanto a lui riferito direttamente da Phil Schiller, vice direttore della sezione prodotti dell’azienda.

https://twitter.com/MrCippy/status/711980520708542465?ref_src=twsrc%5Etfw

Vediamo quale sarà la risposta del mercato al ritorno di un iPhone da 4 pollici, in un panorama formato soprattutto da dispositivi dalle grandi dimensioni (phablet). Il problema almeno in Europa potrebbe essere il prezzo di iPhone SE, dal momento che questo arriverà in due versioni, 16 e 64 GB, e le stesse dovrebbero costare nel nostro continente secondo quanto riportato da Phone Arena qualcosa come il 40 percento in più rispetto agli Stati Uniti, rispettivamente 490 e 590 euro per le due varianti. Per l’arrivo in Italia bisognerà aspettare inizio aprile, visto che il nostro mercato non è incluso nella prima ondata di distribuzione le cui spedizioni partiranno il 31 marzo.