Microsoft sarebbe la causa della nascita dell’iPhone. La rivelazione arriva direttamente da Scott Forstall, tra i padri di iOS, che ha raccontato alcuni retroscena che hanno portato alla nascita dell’iPhone. Certamente Microsoft non è il vero motivo per cui sono nati i melafonini ma da un certo punto di vista ha involontariamente contribuito molto alla loro creazione. Steve Jobs, infitti, iniziò a lavorare sui tablet pc e sugli schermi touch a causa dell’odio verso un dirigente Microsoft marito di una amica di sua moglie.

In quel periodo la casa di Redmond stava lavorando ad un dispositivo con pennino e il dirigente di Microsoft si vantava di questo prodotto. La scarsa simpatia verso questa persona e l’odio di Jobs verso l’utilizzo dei pennini spinsero verso la nascita di “Project Purple” da cui derivò successivamente l’iPhone. Una storia molto curiosa che la dice lunga sul carattere di Steve Jobs e sulla sua genialità.

Scott Forstall ha raccontato anche un altro aneddoto della nascita dell’iPhone. Se il progetto iniziale prevedeva uno schermo touch per tablet, il passaggio ad un display ottimizzato per stare in una mano si deve ad un pranzo un pò turbolento dove Steve Jobs e Scott Forstall erano alle prese con i loro cellulari evidenziando come fossero scomode le allora interfacce dei dispositivi.

A quel punto Jobs chiese a Forstall se il suo team era in grado di realizzare un’interfaccia touch da poter stare nelle tasche. Nacque così il primo prototipo di iPhone ed il resto è storia recente.