Alcuni utenti possessori di iPhone hanno trovato un nuovo bug che colpisce il sistema operativo iOS e l’app Messeges. Grazie ad una singola stringa di codice il programma di messaggistica di Apple può andare in crash. Seppur questa problematica appaia solamente con una stringa di testo estremamente rara, gli utenti hanno subito lamentato a grande voce questa problematica su tutti i principali social network.

Un nuovo bug colpisce iOS e Messages. Tramite un semplice messaggio, infatti, è possibile mandare in crash l’iPhone nello specifico: qualora il messaggio sia stato inviato con Messages aperto, gli utenti non possono tornare indietro ad altre conversazioni senza che l’app vada in crash, mentre gli utenti che ricevono il messaggio con l’iPhone bloccato non sono in grado di aprire l’app Messages.

Le persone, non appena scoperto questo bug, hanno iniziato ad inviare messaggi ad amici e persone conoscenti con l’obiettivo di bloccare il loro dispositivo. L’effetto del messaggio, tuttavia, può essere disattivato se chi ha inviato un messaggio ne invia un altro.

https://twitter.com/TheVineNation/status/603417130051174400

Vi è da sottolineare, inoltre, che l’abilità di mandare in crash un iPhone è limitata solamente ai messaggi inviati da un iPhone a un altro. Allo stesso tempo, altri utenti non hanno riscontrato un crash completo dell’applicazione Messages, bensì un rallentamento complessivo del dispositivo.

Per il momento, finchè Apple non renderà disponibile un nuovo aggiornamento atto a riparare questo bug, gli utenti possono solamente sperare di non ricevere un messaggio per non ritrovarsi con l’app Messages temporaneamente in crash.

Infatti, in alcuni casi, è possibile risolvere il bug da soli. Se possedete un Mac e il messaggio era stato inviato da un altro utente tramite iMessage, basterà aprire la conversazione all’interno dell’app Messages e inviare un’altra risposta, come un semplice “ciao”. Se, invece, l’iPhone è il vostro unico prodotto Apple, potete inviare alla persona che vi ha inviato l’sms un messaggio tramite Siri o premendo il pulsante “condividi” all’interno di altre applicazioni.