Il nuovo iPhone X, sicuramente, ha fatto sognare i fan della mela morsicata. Apple, infatti, ha presentato un prodotto affascinante, totalmente nuovo e ricco di funzionalità avanzate. Tuttavia, anche l’iPhone 8, una più semplice evoluzione dell’iPhone 7, ha parecchie frecce al suo arco. Anche se “più tradizionale”, la piattaforma hardware è praticamente la medesima di quella dell’iPhone X. Dunque, i nuovi melafonini condividono il medesimo processore A11 Bionic e la medesima GPU.

Sulla carta, questo significa che a livello di prestazioni, iPhone 8 e iPhone X dovrebbero essere identici. In realtà, benchmark alla mano (geekbench), l’iPhone 8 risulta più veloce dell’iPhone X. Un risultato che qualcuno poteva non aspettarsi ma che, in realtà, è assolutamente logico e scontato.

La piattaforma hardware dell’iPhone X, infatti, deve gestire uno schermo più grande ed una risoluzione molto più elevata rispetto sia a quella dell’iPhone 8 che a quella dell’iPhone 8 Plus. Trattasi, dunque, di un maggiore carico che CPU e GPU sono chiamate a gestire. Logico, quindi, che i Benchmark ne risentano. All’atto pratico, comunque, l’esperienza d’uso sarà, sicuramente, la medesima perché i numeri di questi test non certificano certamente la piacevolezza d’uso.

Per i più curiosi, comunque, in modalità single-core si ottengono i seguenti punteggi: 4.915 per iPhone 8, 4.128 per iPhone 8 Plus e 4.028 per iPhone X. In modalità multi-core, invece: 10.005 per iPhone 8, 9.829 per iPhone 8 Plus e 9.287 per iPhone X.

Nel test Metal, invece, i 3 malafonini ottengono risultati similari ma molto inferiori a quelli dell’iPad Pro, probabilmente perché il tablet pc dispone di più core grafici.