L’intelligenza artificiale è un settore in cui si stanno buttando moltissime aziende. Sempre più nuovi prodotti, non solo smartphone, adottano assistenti digitali in grado di assolvere alcune operazioni attraverso l’utilizzo di comandi vocali. Tra le realtà che hanno sempre creduto a questa tecnologia c’è Apple che da anni ha integrato Siri sui suoi dispositivi. Adesso, però, per la mela morsicata sarebbe arrivato il momento di migliorare il suo assistente digitale.

Secondo alcune indiscrezioni, infatti, Apple vorrebbe apportare importanti migliorie a Siri e la recente acquisizione di Turi, startup specializzata nel machine learning, sarebbe stata pensata proprio per implementare considerevoli affinamenti al suo assistente digitale. Sebbene non siano emerse delle timeline precise per il debutto del “nuovo” Siri, appare abbastanza evidente che Cupertino potrebbe scegliere l’iPhone 8 come “casa” per il suo nuovo assistente digitale. Del resto, l’iPhone 8 è atteso come uno smartphone “rivoluzionario” e dunque non dovrà solamente offrire specifiche tecniche di altissimo livello ma anche raffinatezze software.

Del resto, la concorrenza incalza. Microsoft, con Cortana sta facendo un ottimo lavoro ed anche Google con il suo Google Assistant sta seguendo la strada giusta. Inoltre, Samsung, con il Galaxy S8 farà debuttare Bixby di cui si dice un gran bene.

Apple, dunque, ha necessità di migliorare rapidamente Siri per poter continuare a competere nel settore degli assistenti digitali. Trattasi di speculazione, comunque, anche se probabilmente con l’iPhone 8 ci saranno molte novità sul fronte intelligenza artificiale.