GSMArena ha scoperto un dato interessante sui nuovi iPhone 7 ed in particolare sul modello “base” da 32GB. Secondo alcuni test effettuati con alcune app di benchmark come Basemark OS II, sarebbe emerso che il modello da 32GB risulterebbe molto più lento di quello da 128GB. La differenza non riguarderebbe il processore o la GPU ma la velocità della memoria di massa dello smartphone. La differenza, secondo i test, sarebbe estremamente elevata. Utilizzando Basemark OS II, il punteggio della memoria su iPhone 7 32GB non avrebbe superato di molto gli 800 punti contro i circa 1440 e i 1700 punti dell’iPhone 6S 64GB e dell’iPhone 7 128GB.

Per verificare più scientificamente il dato, GSMArena ha effettuato la codifica di un filmato in 4K. Il risultato è che l’iPhone 7 32GB ha impiegato il triplo del tempo rispetto al modello con 128GB, 52 secondi contro 18 secondi. L’iPhone 6S che dispone di un processore più lento ci impiega un minuto esatto, quindi appena poco di più dell’iPhone 7 32GB.

Una così grande differenza di prestazioni sarebbe da ricercarsi nella qualità delle memorie utilizzate. Secondo il benchmark, il modulo di memoria da 32 GB ottiene solamente 39,6 MB/s in scrittura contro i 308 Mb/s del modulo di memoria da 128GB. I due moduli presentano ulteriori differenze, anche se meno marcate, in lettura. Il modulo da 32GB ottiene 691 MB/s contro i 926 MB/s del taglio da 128GB.

Differenze sensibili che, però, all’atto pratico si notano solamente in alcuni scenari particolari e non con l’utilizzo classico degli smartphone. Da capire, dunque, il perchè di queste differenze, se trattasi di un problema o di una scelta costruttiva di Apple, magari per ridurre i costi della versione base.

Il dato oggettivo è che gli utenti della mela morsicata non hanno preso bene questa notizia e la polemica è presto divampata in rete. Apple, al momento, non si è ancora pronunciata ma viste le crescenti polemiche è probabile che una comunicazione ufficiale arrivi rapidamente.