Lo spessore dell’iPhone 6s sarà superiore rispetto a quello dell’iPhone 6. A confermare le voci trapelate nelle scorse settimane sono alcune foto spia pubblicate dal portale taiwanese AppleClub. Non bisogna però aspettarsi grosse modifiche. In base alle immagini trapelate, la differenza di spessore sarà appena percettibile dagli utenti.

Nello specifico si parla di un incremento dello spessore di appena 0,18 millimetri rispetto all’iPhone 6. L’aumento dello spessore dell’iPhone 6s probabilmente è dovuto all’utilizzo della lega di alluminio serie 7000.

La lega di alluminio serie 7000 è stata già impiegata dalla Apple nell’Apple Watch Sport. Il materiale servirà a garantire una maggiore resistenza agli urti e ai graffi dell’iPhone 6s, anche in condizioni avverse.

Oltre all’aumento dello spessore, che passerà dai 6,9 millimetri dell’iPhone 6 a 7,08 millimetri, l’iPhone 6s si offrirà al pubblico con un’altezza e una larghezza maggiori. Nello specifico, l’altezza sarà di 138.19 mm, mentre la larghezza sarà di 67.68 mm.

Una differenza appena percettibile dagli utenti. L’iPhone 6, infatti, misura poco meno: l’altezza è di 138,1 millimetri mentre la larghezza è di 67,0 millimetri. Per avere la conferma definitiva dell’aumento di spessore bisognerà aspettare il 9 settembre. Nel frattempo, dalle foto dell’iPhone 6s Plus circolate in rete arrivano altre importanti indiscrezioni. Il display sarà dotato della tecnologia Force Touch. Rispetto al 6 Plus, non si notano grosse differenze fisiche.

Tra le novità annunciate per i nuovi iPhone figurano processori più potenti ed efficienti, una scocca maggiormente resistente a prova di piegamento, una fotocamera con prestazioni maggiori e una connettività LTE migliorata nella velocità.

iPhone 6s non sarà l’unica novità al keynote Apple del 9 settembre

L’appuntamento è per il 9 settembre a San Francisco quando la Apple toglierà i veli ai nuovi iPhone: il 6c, il 6s e il 6s Plus.

L’evento potrebbe riservare un colpo di scena: la presentazione di una nuova tv Apple o della streaming tv. A farlo sospettare è il palazzetto da 7mila posti prenotato dal CEO di Apple Tim Cook al posto del tradizionale teatro con 755 posti a sedere.