Il Mobile World Congress 2015 di Barcellona è ormai in conclusione, e le principali aziende hanno presentato i relativi prodotti, con particolare attenzione per Galaxy S6 e One M9. Dopo la presentazione dei relativi top gamma Samsung ed HTC si torna però ora a parlare di Apple e di iPhone 6s, se questo sarà il nome definitivo dello smartphone e di una sua eventuale versione Plus. Pare infatti che nel prossimo iPhone saranno presenti 2 GB di RAM e Apple SIM.

La notizia arriva dal sito USA specializzato in rumor AppleInsider, che avrebbe ricevuto direttamente informazioni da fonti dimostratesi affidabili già in passato, a proposito dei prossimi iPhone 6s e 6s Plus. E’ dal 2012 infatti, anno di uscita di iPhone 5, che Apple non aggiorna la RAM dei propri smartphone, da allora rimasta sempre ferma ad 1 GB. Quell’anno venne portata ad 1 GB prima la RAM della terza generazione di iPad con display Retina, e solo in seguito quella di iPhone; è presumibile che lo schema resti invariato, dato che l’azienda ha già portato 2 GB di RAM sui propri tablet con iPad Air 2, e ora sarebbe il momento di un upgrade per iPhone. L’aumento di RAM permetterebbe allo smartphone di mantenere per più tempo le app in background, ma anche aumenti nel consumo di batteria, rivelandosi quindi un’arma a doppio taglio se non affiancata da upgrade nella batteria.

La stessa fonte ha parlato ad AppleInsider anche di un’altra importante novità su iPhone 6s, Apple SIM. La nuova tecnologia, che permette di scegliere direttamente dal proprio iDevice il l’operatore da utilizzare senza possederne la SIM fisica e per ora funzionante solo in USA e UK con iPad Air 2 e iPad Mini 3 Retina, potrebbe essere presente come predefinita sul prossimo smartphone Apple, in modo da consentire agli utenti di cambiare più frequentemente e con facilità a seconda delle esigenze l’operatore telefonico.

Se la cadenza di Apple dovesse rimanere la stessa, sarebbe legittimo aspettarsi il nuovo iPhone 6s in uscita per settembre, e lo stesso dovrebbe mostrare cambiamenti soprattutto nelle caratteristiche che non si vedono ad occhio nudo, mantenendo invariato il design dello smartphone di riferimento come solitamente accade con le versioni S di iPhone. In questo caso quindi dovremmo ottenere forme molto simili o uguali iPhone 6 e 6 Plus. Non resta che attendere dunque per nuovi leak nelle prossime settimane, con informazioni che potrebbero arrivare già nell’evento del 9 marzo per la presentazione di Apple Watch.