Il nuovo processore di iPhone 6 e iPhone 6 Plus può riprodurre video a 4K, anche se le risoluzioni dei due schermi dei dispositivi sono pari a 1334×750 e 1920×1080 pixel. Grazie ad un test realizzato da uno sviluppatore è stato posibile scoprire che il SoC dual-core A8, dei nuovi dispositivi Apple, offre potenzialità estremamente elevate che, fino ad oggi, sono rimaste nascoste.

Fino a qualche anno fa gli smartphone e i tablet non riuscivano a soddisfare completamente le esigenze degli utenti. In particolare, per i dispositivi Apple, il grande salto generazionale è stato effettuato con iPhone 5S, grazie all’introduzione del processore A7 con supporto ai 64 bit e performance migliorate.

Con il debutto di iPhone 6 e iPhone 6 Plus, le performance sono aumentate ulteriormente, al punto tale da permettere la riproduzione di video con risoluzione 4K, pari a 3840×2160 pixel. Rispetto al Full HD, standard abbastanza diffuso tra i monitor e le televisioni, la risoluzione 4K aumenta di 4 volte il numero di pixel.

La scoperta di questa funzionalità di riproduzione è stata realizzata dagli sviluppatori dell’app WALTR, che permette agli utenti di effettuare upload immediato di file video verso iPhone e in formati non riconosciuti da iTunes, come MKV. Durante la fase di test, gli sviluppatori hanno scoperto che iPhone 6 permette di riprodurre video 4K.

Questa modalità di riproduzione, pur funzionando completamente, non può essere sfruttata a causa dei display di iPhone 6 e iPhone 6 Plus, che hanno rispettivamente risoluzioni pari a 1334×750 e 1920×1080 pixel. Con molta probabilità, nel breve periodo, Apple non presenterà una nuova generazione di iPhone dotata di display 4K, ma la scoperta degli sviluppatori porta alla luce le potenzialità del nuovo SoC A8 dual-core.

photo credit: Janitors via photopin cc